Sei in » »
11/04/2017 19:48 | Attualità


Le famiglie rom che avevano trasformato la masseria che Luigi Marzo aveva ereditato dalla sorella in tante abitazioni di fortuna sono andate via. 

Nella proprietà sulla strada che da Lecce conduce a Novoli non è rimasto più nessuno, se non un uomo che, valigie in mano, ha promesso di partire: 'Torno in Romania per colpa vostra, non è giusto' ha urlato al 76enne che finalmente potrà riprendersi ciò che è suo. 

Non riesce quasi a crederci, Luigi. Fa fatica persino a dire è finita dopo che per mesi le sue richieste di aiuto sono rimaste inascoltate dalle istituzioni che avrebbero dovuto tutelarlo: "Ho lottato - ha dichiarato - perché non deve passare il messaggio che chi commette un sopruso resti impunito".

Un capitolo si è finalmente chiuso, ora se ne apre un altro: quello dei danni che gli ospiti indesiderati hanno arrecato ai fabbricati.


0,046875